Nella tappa odierna lasciamo le Marche per entrare in Umbria, toccando il “tetto del coast to coast”: passando per il monte Alago infatti raggiungiamo il punto più alto dell’intero percorso, a quota 950 m.

Nocera Umbra

Adagiata in splendida posizione nell’alta valle del fiume Topino, è nota fin dai tempi antichi per le speciali proprietà curative delle sue acque minerali. Abitata dagli umbri fin dall’epoca protostorica, sotto i romani divenne Nuceria Camellaria, importante stazione lungo la via Flaminia: è da qui che si staccava il diverticolo della strada che conduceva alla costa adriatica. Nel XVI e XVII secolo cominciarono a essere sfruttate le acque sorgive: al 1611 risale il primo stabilimento termale.

Nella parte alta della città sorgono la torre civica, o Campanaccio, unico elemento superstite della rocca dei Conti di Nocera dell’XI secolo, e il duomo dell’Assunta, di fondazione romanica, ricostruito nel XV secolo. La chiesa di San Francesco è anch’essa del XV secolo: il complesso è adibito a Pinacoteca comunale.
Nocera è stata duramente colpita dal sisma del 1997, che le ha causato ingenti danni: l’opera di ricostruzione, tuttora in corso, le sta lentamente restituendo l’antico splendore.

ATTENZIONE!

Dal giorno 11 novembre 2020 Umbria e Toscana saranno in zona arancione. Il C2C resta per il momento percorribile soltanto nelle Marche e nel Lazio, anche se la rapida evoluzione dell’emergenza Covid consiglia di rimandare le partenze a tempi migliori (che verranno, potete starne certi!!!)